Consigli SEO

Se cominciamo a parlare di SEO e di come ottimizzare un sito per il posizionamento sui motori di ricerca potremmo veramente non finirla più.

Oggi però invece delle solite miniguide ti voglio dare 10 consigli pratici che se seguiti porteranno il tuo sito e le tue pagine a migliorare decisamente le sue performance di posizionamento. Bando alle ciance, eccoli qui.

  1. Duplicazione contenuti: fai in modo che ciascuna pagina del tuo sito riporti informazioni nuove, evitando doppioni di testi o di argomenti (la cosidetta cannibalizzazione), fai in modo che le URL dei contenuti sia sempre univoche, un contenuto deve essere sempre rintracciabile attraverso una e una sola URL, se il tuo CMS genera URL duplicate fai in modo di gestire correttamente eventuali canonical o fai in modo che i doppioni non vengano indicizzati da Google tramite le direttive noindex. Se vuoi approfondire c’è un vecchio articolo sul funzionamento tecnico del filtro antiduplicazione dei contenuti di Google.
  2. Link non funzionanti: il link non funzionante rilascia la stessa sensazione di quando tu, in vacanza in un luogo sconosciuto, chiedi informazioni a gente del posto e vieni mandato in una strada senza uscita. Un link crea un’aspettativa nel lettore, ma nel momento in cui il click porta ad un file corrotto o ad una pagina assente prevale la delusione e lo scoraggiamento. Il tuo sito perde di reputazione poichè è come se tu avessi fornito un consiglio sbagliato e perderai la fiducia degli utenti.
  3. Presenza di spam: finestre popup, banner pubblicitari, annunci, link che rinviano a landing page diverse, sono tutti elementi di disturbo.
  4. Sito poco intuitivo: chiunque si scoraggia quando entra in un sito disordinato, poco logico e complicato nella sua navigazione. Allo stesso modo accade per Google e i suoi crawler.
  5. Contenuti non esclusivi: l’utente cerca la novità, l’informazione nuova. Se viene sul tuo sito è perchè sta cercando qualcosa che si aspetta di trovare e che non ha trovato altrove. Se duplichi contenuti di altri o se riporti informazioni già presenti in rete, che motivo avrebbe un utente di proseguire la navigazione?
  6. Abuso delle parole chiave: un errore frequente è pensare che un uso smodato delle keyword possa favorire la SEO. Nulla di più sbagliato, si chiama Keywords Stuffing. Otterrai l’effetto contrario.
  7. Utilizzo scorretto della formattazione: il corretto utilizzo degli heading HTML e della formattazione in generale è un tipico aspetto della SEO. Abusarne oppure non farne uso comporta difficoltà di comprensione del testo.
  8. Link da e verso pagine con bassa reputazione: se viene da te un amico a chiederti in merito ad un argomento, che risposta gli fornirai? Probabilmente tenderai a dare il miglior consiglio possibile. Allo stesso modo, un link deve rappresentare un approfondimento qualitativo, fornendo i migliori spunti per valorizzare una determinata informazione. Cerca di puntare in alto se vuoi il massimo beneficio possibile. Cerca una applicare una strategia di Link Building valida e attenta.
  9. Errori grammaticali e di ortografia: sforzati di scrivere correttamente i tuoi contenuti, senza superficialità. Spesso le prime righe di un testo offrono al lettore un’impressione che deve essere positiva.
  10. Lettura difficoltosa e noiosa: trovarsi davanti un muro di parole senza spaziature, con font poco leggibili, comporta il sicuro abbandono degli utenti dal tuo sito. Le regole SEO prevedono, ad esempio, l’uso della titolazione paragrafi per fornire un migliore approccio all’utente. Google apprezzerà.